Safari in Africa: dalla Namibia alla Tanzania, alla scoperta dell’Africa Australe

Uno dei modi più belli ed emozionanti per scoprire le meraviglie naturali dell’Africa meridionale è senza dubbio il safari. Organizzare un safari in Africa, cioè un’escursione in parchi o riserve con unico obiettivo quello di avvistare animali selvatici e piantagioni caratteristici, permette di vivere un’emozione unica nel sSafari in Africauo genere, passando alcuni giorni a stretto contatto con la fauna e la flora africane. Considerato che molte zone dell’Africa Australe sono raggiungibili solo attraverso strade e piste adatte a veicoli fuoristrada, un’escursione del genere rappresenta un’ottima opzione per girare in totale libertà in questi territori, fermarsi ad ammirare i paesaggi ancora incontaminati e incontrare animali mai visti da vicino. 

Sarebbe inutile non ricordare che un viaggio del genere non è del tutto privo di pericoli. Ecco perché, prima di partire per un safari in Africa vi consigliamo di stipulare un’assicurazione viaggio che vi tuteli durante tutto il vostro soggiorno. Se avete in mente di prolungare le vostre avventure e di tornare più volte in Africa nell’arco di un anno, potete tranquillamente scegliere una polizza con copertura annuale, altrimenti potete sceglierne una per il singolo viaggio. L’importante è salvaguardare la propria sicurezza e pensarci prima di prenotare qualsiasi tipo di escursione. Poi, una volta pensato all’assicurazione viaggio, arriva il momento di scegliere la meta. Ecco una lista di zone da scoprire nell’Africa Australe, rigorosamente tutte con il safari.  

Antica colonia tedesca, la Namibia, terra affascinante e dalle bellezze incredibili, offre paesaggi tra i più disparati: dalle dune rosse del Namib, alla fredda Skeleton Coast, abitata da iene, sciacalli, leoni marini e il famoso fish river canyon, fino alle regioni del nord ovest completamente desertiche. Interessantissimo per la sua fauna l’Etosha National Park.

Il Botswana è una grande riserva naturale a cielo aperto: sua attrazione principale è l’Okawango, il più grande sistema di canali e lagune interne al mondo. Da vedere ci sono anche il Chobe National Park, il deserto del Kalahari, e le più grandi saline del mondo, le Makgadigadi Pans. 

Il cuore caldo dell’Africa, il Malawi ha un paesaggio diverso rispetto ai precedenti: qui si può sceMalawigliere di trascorrere il proprio tempo tra le belle spiagge del lago, dove ammirare i pesci che nuotano tranquilli; oppure soffermarsi nei villaggi dei pescatori e osservare in silenzio le numerose specie di uccelli che volano nel cielo blu. Un viaggio a Malawi non può non includere almeno una notte in campeggio, magari lungo le rive del lago, condividendo con la popolazione il pesce appena pescato e ascoltando la loro musica magica. 

Il Mozambico è abitato da gente cordiale, divertente e ospitale. Ha spiagge chilometriche tutte da percorrere, cultura da scoprire, un mare turchese da lasciare senza parole. Va visitato in ogni minimo dettaglio, soprattutto evitando la parte meridionale, che è anche quella più turistica e concentrandosi su quella settentrionale, ricca di sorprese e avventure.

Il parco Hawange nello Zimbabwe è situato a qualche km di distanza da Victoria Falls. Qui numerose specie di animali selvatici vi attendono. Ma ad attendervi in quzebbre in africaesto paese eccezionale ci sono anche le rovine archeologiche di Great Zimbabwe e le imponenti Cascate Vittoria.

Famosi in tutto il mondo, i parchi dell’immensa Tanzania, vi permetteranno di entrare in pieno contatto con leoni, ghepardi, leopardi, iene e tante altre specie di animali. Ecco lo splendido Serengeti, un luogo sospeso tra mito e storia e a poca distanza il Tarangire National Park, affollato di baobab.

Leggi anche:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>