2012 World Monuments Watch: 67 siti a rischio

 Perdere la loro integrità, scomparire cancellando una parte di passato. Questo è quello che accadrà a 67 siti che forse non avremo mai la possibilità di vedere se non saranno salvati. A causa di sovraffollamento, agenti atmosferici, infiltrazioni d’acqua e crescita della popolazione, questi luoghi sparsi in 41 paesi del mondo presentano una situazione estremamente sensibile.

 

 Al seguente link possiamo trovare la lista dei luoghi e degli edifici a rischio: http://cdn.wmf.org/downloads/2012-Watch-List.pdf (fonte Repubblica.it). Ma tanto per farci un’idea possiamo citare: i famosi disegni sulla pietra a Nazca nel deserto del Perù, un cimitero greco, un edificio a forma di scatola sulla Fifth Avenue di New York.

I disegni su pietra di Nazca

Alcuni posti, come le vestigia dell’antico regno di Nanye in Cina, avrebbero semplicemente bisogno di una migliore gestione strutturale e turistica. Altri sono minacciati dalle infiltrazioni d’acqua, come la cattedrale inglese di San Michele a Coventry. Lo sguardo del Wwf non è rivolto solo ai siti antichi ma anche all’architettura moderna: la più grande stazione degli autobus di Preston nel nord ovest dell’Inghilterra, è a rischio demolizione.

La cattedrale inglese di san Michele a Coventry

Hey, vuoi trovare un volo low cost? :-D Se come me sei un appassionato di viaggi, quelli decisi in un istante, quando si trova l'offerta di un volo low cost a cui non si può rinunciare, sei nel posto giusto! Per trovare tanti voli low cost, clicca qui.

voli low cost

Nella lista 2012 del degrado del Word Monuments Fund compaiono anche 3 località distrutte dai terremoti negli ultimi due anni: l’immenso patrimonio culturale del Giappone, gli edifici governativi in stile neogotico di Christchurch in Nuova Zelanda e l’architettura della città di Jacmel ad Haiti.

 

L’Italia per quest’anno non viene menzionata nel 2008 nella lista figuravano la via della transumanza in Molise, il Ninfeo degli Orti Farnesiani a Roma, il Forte di Fenestrelle in Piemonte e il ponte di Valeggio sul Mincio. Due anni più tardi comparvero il centro storico della città fantasma lucana di Craco, il ponte Lucano di Tivoli e la villa di S. Gilio di Oppido Lucano ma se guardiamo al nostro patrimonio artistico, sono tanti gli edifici da salvaguardare: da Roma la cappella di Teodolinda di Monza, a Pompei, dall’abbazia di San Clemente a Casauria in provincia di Pescara all’Abruzzo, colpito dal terremoto nel 2009.

newsletter blogger viaggio

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi i miei consigli di viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *