Corea del Sud, l’Heyri Art Village: “The loveliest village on the earth all artists are dreaming”

Per gli amanti della cultura, un sogno ricorrente è quello di trovarsi magicamente a fine 800, in uno di quei caffè letterari tanto descritti dalla storia, a conversare liberamente di arti, musica e libri appena mandati alle stampe. Ora, un posto del genere sembra esistere e non si limita alle quattro mura di un locale, ma ad un’intera cittadina.

E’ l’Heyri Art Village in Corea del Sud a 6 km da Seoul, a un passo dalla Corea del Nord, e qui si trovano alcuni degli artisti più apprezzati del paese. Nel 97 la cittadina doveva essere un villaggio del libro, ma nel giro di poco tempo è divenuta un centro artistico e culturale con gallerie, musei e caffè. Oggi ci vivono più di 300 persone, tra architetti, poeti, musicisti e performer.

Nel villaggio non c’è spazio solo per la cultura, ma anche per l’ambiente: si cerca infatti di mantenere un equilibrio con la natura, in un perfetto lavoro di squadra. Basti pensare che gli edifici presenti nella zona non superano i tre piani, proprio per evitare un forte impatto ambientale, una rete verde collega tutta la valle, parchi e ruscelli sono raggiungibili con piste pedonali o ciclabili. Uno dei fondatori della città, Ansoo Lee, sottolinea come il villaggio si erga a simbolo di pace, in una regione famosa per il suo contrario. Sapevi che nel mondo ci sono hotel ispirati dai libri? Da moby Dick fino agli Hobbit, scoprili con noi..

L’Heyri Art Village si può visitare tranquillamente in una giornata. Considerate che nei weekend è sempre presa d’assalto, mentre il lunedì molte gallerie e caffè sono chiusi. Da vedere la Keumsan Gallery, che organizza mostre di arte asiatica contemporanea, mentre la Gallery White Block ospita mostre di arte contemporanea mondiale. Per gli amanti della musica classica ecco la Camerata Music Hall, dove poter fare la propria richiesta musicale al dj. Ci si può fermare per un drink all’Homeo Cafè, che oltre ad essere un bar è anche uno showroom di mobili d’epoca, oppure per uno spuntino più sostanzioso al Cafè Blume, dove i piatti serviti sono delle vere creazioni artistiche.

LINK TRIPPATI:

Heyri.net/eng: il sito ufficiale dell’ Heyri Art Village

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *