Un tour storico nella città di Rimini

Famosa in tutto il mondo per il suo divertimento notturno, i suoi locali sempre affollati e pieni sino a tarda notte, per i suoi magnifici hotel sul mare, Rimini è la più rappresentativa delle città romagnole, ma ha molto di più da offrire ai propri visitatori.

Sarà per questo che da anni Rimini è una delle mete più gettonate d’Italia, una destinazione scelta sia dalle famiglie che vogliono rilassarsi e godersi il mare, sia dai giovani che alle spiagge e al sole desiderano anche unire lo svago. 

Per approfondire: se come me sei un appassionato di viaggi, quelli decisi in un istante, quando si trova l'offerta di un volo low cost a cui non si può rinunciare, sei nel posto giusto :) Per trovare tanti voli low cost, clicca qui.

Divertimento nella notte a RiminiCittà dalle origini molto antiche, Rimini ha conosciuto nel corso dei secoli la dominazione di molti popoli che hanno lasciato delle impronte tangibili del loro passaggio. Greci, Galli, Romani, ma anche Goti, Bizantini e Longobardi sono passati in questo territorio e le tracce di queste diverse dominazioni si sono impresse nell’architettura della città. 

La storia di Rimini si può ripercorrere iniziando la propria visita alla città dal Borgo di San Giuliano, una delle zone più interne del centro storico, conosciuto per essere la zona anticamente abitata dalla comunità dei pescatori. Il borgo si presenta come un caratteristico intreccio di vicoli e stradine molto pittoresche, e risulta separato da Piazza Malatesta dal canale cittadino ai lati del quale si diramano Via Sinistra del Porto e Via Destra del Porto, collegate da due magnifici ponti, tra i quali ricordiamo il Ponte Tiberio di origini romane.  

Una delle particolarità di Borgo San Giuliano è di avere molti edifici decorati in onore e in memoria del grande regista italiano Federico Fellini, che da questa città ebbe i natali.

Di epoca romana è anche l’Arco Trionfale di Augusto, noto per essere il più antico dei ponti consacrati all’imperatore giunto sino a noi, oltre che per essere il punto dal quale partivano due delle più importanti arterie di quel tempo, ovvero la Via Flaminia, che scendeva verso Roma, e la Via Emilia, che giungeva sino a Piacenza.

Il centro storico di RiminiCosa visitare a Rimini: il centro storico. Il vostro tour alla scoperta di Rimini, può poi continuare nel centro storico della città, dove ad attendervi ci sono moltissimi monumenti di epoche e stili differenti. Qui tra chiese antiche, palazzi nobiliari e monumenti imponenti potrete rivivere tutta la storia e le vicissitudini della città. Tra i primi monumenti che incontrerete sono da segnalare la magnifica Chiesa di Santa Maria della Misericordia, la cui costruzione risale al Trecento, la Chiesa dei Servi, datata 1317, il Palazzo dell’Arengo, dal caratteristico stile romanico-gotico, sino a giungere al cinquecentesco Palazzo Garampi e al Palazzo del Podestà.

Poco lontano dal cuore storico della città è possibile ammirare le più rappresentative testimonianze della Rimini dei Malatesta, l’antica famiglia di Verucchio che dominarono Rimini e la sua provincia dal 1295 al 1528.

Come prima cosa potete visitare la piazza intitolata ai Malatesta, sulla quale si affaccia il Castello di Sismondo il quale, secondo la leggenda, fu costruito sui resti di due palazzi medioevali. Particolarmente interessante è l’Anfiteatro Romano, eretto probabilmente intorno al II secolo d.C., e considerato come uno degli anfiteatri più antichi di tutta la regione. Nel mezzo di quella che anticamente era il foro di Rimini si trova oggi la Piazza dei Tre Martiri; in origine la piazza era stata battezzata Piazza Giulio Cesare prima e Piazza delle Erbe poi, per poi assumere la denominazione attuale in onore dei tre giovani partigiani di Rimini, assassinati durante la Seconda Guerra Mondiale. Non dimenticarti di leggere tutti gli eventi e le feste di Rimini di quest’anno.

Uno dei monumenti più interessanti di Rimini è poi la Cattedrale cittadina, nota anche come Tempio Malatestiano; la sua costruzione risale al XIII secolo ed originariamente era una costruzione gotica. Nel XV secolo, il grande architetto Leon Battista Alberti venne incaricato di ristrutturare l’edificio e di dare alla chiesa uno stile prettamente rinascimentale in modo tale da trasformarla in un mausoleo da intitolare a Sigismondo Pandolfo Malatesta e consorte.

All’interno della chiesa sono poi custodite delle opere di grande valore artistico come alcuni affreschi di Piero della Francesca e una croce dipinta di Giotto. Assolutamente da vedere sono poi la Cappella dei Pianeti, ove sono rappresentati i segni zodiacali, la Chiesa di S. Agostino e la Chiesa di San Giovanni Evangelista.

Il delfinario di RiminiIn un antico convento gesuita si trova oggi il Museo cittadino, ricco di reperti di epoca romana, oltre alla Galleria d’Arte, ricca di opere d’arte figurativa appartenenti all’antica scuola riminese. Una volta oltrepassati i monumenti cittadini più noti e conosciuti, si giunge al litorale e al mare, tra le attrazioni più belle della città.

Non a caso Rimini è una delle località balneari più grandi di tutt’Europa, grazie ai suoi 15 km di spiagge sabbiose tutte ottimamente attrezzate. Non mancano poi a Rimini i parchi tematici, che sono una delle principali attrazioni della città. Tra i più conosciuti e frequentati ricordiamo il Delfinario, situato sul lungomare, l’Aquafan di Riccione, il parco acquatico più grande d’Europa, Fabilandia, un parco divertimenti tutto dedicato ai bambini, e l’Italia in Miniatura, uno dei parchi più conosciuti di Rimini con le sue 270 riproduzioni su piccola scala dei più importanti monumenti d’Italia.

(Lucia)

Per approfondire: sei hai letto l'articolo, spero ti sia venuta voglia di viaggiare! Ti stai chiedendo dove andare? Puoi prendere uno zaino e partire, puoi alzare il pollice e fare l'autostop oppure puoi trovare un volo economico.

Per trovare tanti voli economici, ti consiglio di cliccare qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *