Ricette dalla Gran Bretagna. Fish and Chips

Piatto nazionale inglese per eccellenza, il Fish and Chips è diventato famoso tra le classi povere a partire dal 1800, in concomitanza con lo sviluppo della pesca nel Mare del Nord. Viene consumato come pasto take away, avvolto nella carta e mangiato passeggiando per le strade. La particolarità del Fish and Chips è senza dubbio la pastella: ogni regione ha le sue regole e i suoi segreti, tramandate di famiglia in famiglia. Questo piatto è conosciuto in tutto il mondo e così famoso da essere consumato anche nel nord America, in Australia e in Nuova Zelanda.

Ingredienti per 4 persone

480g di filetto di merluzzo,  600g di patate, 4 uova, 145g di farina, 160 ml di birra, olio per friggere, sale e pepe.

Rimbocchiamoci le maniche e mettiamoci al lavoro

1. Sbucciare e tagliare le patate a listarelle di 1cm.

2. Immergere le patatine in un recipiente d’acqua fresca e poi scolarle. Asciugare con carta da cucina.

3. Tagliare il merluzzo a fettine spesse di  1cm.

4. Per la pastella: mescolare le uova, la farina e mescolare; aggiungere la birra in 2 o 3 volte e amalgamare. Aggiungere sale e pepe.

5. Disporre il merluzzo su un piatto e insaporire con sale e pepe. Asciugare il pesce con carta da cucina.

6. Passare le fettine di merluzzo ad una ad una nella pastella e immergere nell’olio bollente. Friggere per circa 1minuto e mezzo, girando le fettine fino a che non saranno dorate.

7. Versare poi le patatine nello stesso olio in cui abbiamo fritto il merluzzo. Quando iniziano a venire a galla, alzare la fiamma e friggere finchè non saranno dorate.

8. Insaporire con un po’ di sale sia le patatine che il merluzzo.

9. Disporre patatine e merluzzo sul piatto e guarnire a piacere con fettine di limone.

Fish and chips

Qualche consiglio utile

Il filetto di pesce può essere tagliato anche a dadini invece che a listarelle.

Tradizione vuole che il pesce sia accompagnato da una spruzzata di sale e aceto di malto.

Al posto delle patatine si può optare per un contorno di piselli bolliti

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *