chichen-itza-messico

Messico: 5 luoghi da non perdere sulla Riviera Maya

La nostra lettrice Ilaria ha deciso di condividere con noi e con voi il suo viaggio in Messico. Ilaria è partita per la Riviera Maya a maggio ed è tornata entusiasta da questa esperienza, tanto che ha deciso di raccontarci i 5 luoghi da non perdere in questa meravigliosa parte di mondo. Curiosi?

Chi dice Messico dice Maya. Ed è vero. Il Messico, ed in particolare la riviera Maya, è una terra dove un mare da favola, spiagge bianche e natura, abbracciano le rovine archeologiche di un’antichissima e affascinante civiltà. Il risultato? Paesaggi e luoghi che vi lasceranno senza fiato! Soprattutto se nel vostro viaggio, oltre al relax nel mar dei Caraibi, siete alla ricerca di un po’ d’avventura.
In particolare, ci sono 5 escursioni che non potete assolutamente lasciarvi sfuggire nella vostra vacanza in Messico.

iguana-messico

Chichén Itzá, la più grande area archeologica Maya

Ecco la prima delle 5 cose da non perdere sulla riviera Maya. Una visita a Chichén Itzá è d’obbligo. Nel nord della penisola dello Yucatan si trova infatti la più grande area archeologica Maya, dichiarata patrimonio dell’ UNESCO nel 1988. L’attrazione principale che troverete a Chichén Itzá è El Castillo: un’enorme piramide a gradoni con scalinate di pietra lungo tutti e quattro lati. Negli equinozi di primavera e d’autunno, è possibile assistere ad un fenomeno molto suggestivo: un gioco di luci ed ombre provocato dal sole che proietta l’immagine di un enorme serpente su un lato della piramide. Tra le altre rovine potrete vedere il Tempio dei Guerrieri, il Campo del gioco della palla (uno sport con forti connotati rituali, in cui c’erano spesso sacrifici umani) il Complesso des Las Monja e El Caracol. Per godere al meglio la vostra gita, vi consigliamo di affidarvi ad una guida del posto e di preferire la mattina o il tardo pomeriggio.

chichen-itza-messico

Tulum, la città Maya a picco sul mare!

Non vi capiterà di nuovo di visitare una città Maya costruita a picco sul mare! A Tulum farete un viaggio nella storia tra i resti di un sito archeologico molto ben conservato (si vedono addirittura i resti originali delle pitture murali) per poi rinfrescarvi in mare e camminare sulla spiaggia bianca dei Caraibi. Anche in questo caso, una guida locale saprà arricchire e dare un valore aggiunto alla vostra visita.


tulum-messico

L’isola delle sorprese: Isla Mujeres

Ovvero l’Isola delle Donne, si trova di fronte a Cancun, una delle località più turistiche e gettonate del Messico. E’ un’isoletta lunga soli 7 km, ma riserva grandi sorprese: qui infatti potrete fare snorkeling tra i pesci della barriera corallina, avere un incontro ravvicinato con i delfini e, se siete fortunati, potrete vedere le tartarughe marine.

spiaggia-messico-rivieramaya

Un tuffo e un bel bagno in un cenote

Messico è mare, archeologia ma anche natura. Oltre a distese di agave, da cui si ricava la tequila, troverete tantissimi cenote, una delle 5 cose da non perdere sulla riviera Maya. Si tratta di grotte sotterranee naturali con acqua dolce. Nei cenote più grandi è anche possibile fare immersioni subacquee e snorkeling. In ogni caso, un tuffo e un bel bagno in un cenote del Messico vi farà vivere un’emozione unica… provare per credere.

cenote-messico

 Izmal, la città gialla

Infine, se volete visitare una cittadina messicana, basta spostarvi nell’entroterra della penisola dello Yucatan dove oltre a Valladolid e Merida, vi consigliamo la più caratteristica Izmal. Soprannominata “La Città Gialla”, vi conquisterà con la sua architettura: palazzi, chiese e negozi quasi tutti dipinti di un giallo dorato. Concedetevi un po’ di shopping tra i prodotti di artigianato e di arte popolare locale.

bradipo-messicano-messico

Questi sono solo 5 dei tanti motivi che stanno facendo del Messico, e della riviera Maya, una delle mete sempre più apprezzata e ormai di gran moda.

scritto da Ilaria Cappelletti

Bè ovviamente se programmate un viaggio in Messico, non potrete far a meno di provare i famosi Taco! E per rifarli a casa, ecco la ricetta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *